L'Evento Lutto e il Tempo

È quasi paradossale, ma l'evento che ferma il tempo e cioè la morte, può essere tollerato ed accettato solo con il passare del tempo.
Per nostra fortuna, l'essere umano ha naturalmente dentro di sè una spinta verso la vita, una capacità di "metabolizzare" gli eventi nel bene e nel male. Il tempo del dolore non può però essere ne abbreviato ne delegato. Per quanto tempo dovrò soffrire così tanto?

Dipende da quanto è stato importante per noi chi se ne è andato. Un anno e forse più per le persone che ci erano particolarmente vicine.
È da dire, anche, che molto dipenderà, in questo percorso obbligato da fare, dal come abbiamo appreso dai nostri genitori a superare i momenti di separazione, mancanza, dolore.
Il modo in cui si sono comportati loro, è probabile che sia simile al nostro modo di superare le crisi.

Il tempo del lutto è un tempo di ondate di dolore e di temporanei rasserenamenti, di malessere e di ritorno alla normalità.
In questo modo l'esperienza della perdita della persona cara, rimane nel nostro passato, conservandone quindi la memoria, ma con sempre meno dolore.
II dolore mentale depressivo che segue l'esperienza del lutto non dev'essere considerato una malattia. Sarà bene incominciare a pensare che esso è necessario, in quanto segnala che tutta la nostra persona sta reagendo alla mancanza della persona cara. Ecco perchè non è utile sopprimere o soffocare ciò che è naturale e cioè l'espressione del dolore. II dolore ha un senso e va riconosciuto: è successo qualche cosa di molto brutto e piano piano posso rendermene conto.
Saranno anche le relazioni interpersonali ossia la rete di amicizie e di scambi che abbiamo costruito durante l'arco della vita ad aiutarci in questo percorso.

Solo cosi il tempo del lutto potrà diventare un tempo che, faticosamente e lentamente, riuscirà a farci ritrovare il senso dell'esistenza e a vivere un presente capace di contenere anche la perdita che abbiamo subito.

Consulta il nostro opuscolo

Al Servizio della Vita

Le risorse

L'essere umano è fatto per guardare avanti. Anche nelle peggiori situazioni, quando gli eventi lo toccano profondamente, è in grado di accettare la vita, consapevole che la morte ne fa parte.

Quando chiedere aiuto

Superare il momento della crisi che l'evento morte ha creato, permette di riprendere a vivere perchè ci si sente di nuovo in grado di affrontare la quotidianità e ancora capaci di dare un senso pieno all'esistenza.